DARIO DI LIVORNO (Ciampi - Marchetti)

In un triste giorno Dario di Livorno
prese una pistola e sparò.
Era carnevale ma la polizia
ugualmente lo arrestò
e fu così che un triste giorno
Dario finì in manicomio
dove imparò che tutti i matti non vivono in libertà.

Ma Dario di Livorno, che non era matto,
stando in mezzo ai matti impazzì.
Dopo aver scontato tutta la sua pena
salutò gli amici e partì
e fu così che un triste giorno
Dario sparò a un commissario
e lo ammazzò
e poi, felice, tra gli amici matti
egli tornò.