HITLER IN GALERA (Ciampi - Marchetti)

Il pene, si appoggiò su una palude,
appena dopo, si celebrò la nascita
di una sporca follia.

Lui atterrì, imprecò,
pianse ed urlò, disperò.
Ora era là la realtà,
il cappio e l'eternità.

"Io non voglio morire,
non farò più del male,
vi scongiurò, provate,
io sarò la bontà."

Lui rifiutò, pazientò,
poi richiamò gente sua,
che lotta fu, una follia,
per l'altra vita terrore.

"Vi prego, non fatemi del male,
farò quel che volete,
ne ho ammazzato milioni
ma io sarò l'amore."

Il boia entrò, salutò,
il cappio ancora aspettò.
Ora era là la verità,
il delirio e l'eternità.

"Vi scongiuro, provate,
io non voglio morire,
se fate così mi dannate,
non ce la faccio più!"

E così sia!